Parte la campagna: Acqua Pubblica, ci metto la firma!!!

acquapubblica_logo_RGBHa inizio la raccolta di firme promossa dal COMITATO ACQUA BENE COMUNE promotore della campagna: ACQUA PUBBLICA, CI METTO LA FIRMA

Oltre una centinaia di  realtà territoriali e  reti nazionali , nel Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, che hanno deciso di fornire al Paese un nuovo strumento: una LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE con gli obiettivi di tutela della risorsa e della sua qualità, di ripubblicizzazione del servizio idrico integrato, di gestione dello stesso attraverso strumenti di democrazia partecipativa.

Il sindaco di Cosenza, Avv. SALVATORE PERUGINI, sarà il PRIMO ad apporre la firma con una cerimonia di inaugurazione del banchetto, Sabato 10 Febbraio alle ore 17.00 presso Piazza 11 Settembre a Cosenza.

Sarà accompagnato dall’Assessore comunale Matilde Ferraro e dall’Assessore provinciale all’ambiente, Luigi Marrello.

L’acqua  è fonte di vita e costituisce quindi un bene comune irrinunciabile dell’umanità. Il diritto all’acqua è un diritto inalienabile: dunque l’acqua non può essere proprietà di nessuno, bensì bene condiviso equamente da tutti.

Cosa dice l’iniziativa in 10 punti:

  1. L’acqua è un bene comune e un diritto umano universale, la disponibilità e l’accesso all’acqua potabile sono diritti inalienabili e inviolabili della persona.
  2. L’acqua è un bene finito, da tutelare da conservare  perché indispensabile all’esistenza di tutti gli esseri viventi.
  3. Ogni territorio deve definire un bilancio idrico che preservi la risorsa e la sua qualità
  4. Il servizio idrico integrato è un servizio pubblico privo di rilevanze economiche, sottratto alle leggi del mercato e della concorrenza e finalizzato ad obiettivi di carattere sociale e ambientale
  5. Il servizio idrico integrato deve essere gestito esclusivamente attraverso enti di diritto pubblico
  6. Entro tempi certi devono terminare tutte le gestioni affidati a privati, a società miste pubblico-privato e a società a totale capitale pubblico
  7. Cinquanta litri per persona è il quantitativo minimo vitale giornaliero garantito e gratuito
  8. I lavoratori del servizio idrico e gli abitanti del territorio partecipano attivamente alle decisioni sugli atti fondamentali di gestione del servizio idrico integrato.
  9. Il servizio idrico è finanziato con la riduzione delle spese militari, con la lotta all’evasione fiscali, con tasse ambientali di scopo.
  10. Un fondo nazionale che finanzia progetti per l’accesso all’acqua potabile nel sud del mondo.

FERMARE LA PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA E’ UNA QUESTIONE DI CIVILTA’ CHE CHIAMA IN CAUSA POLITICI E CITTADINI, CIASCUNO PER LE PROPRIE RESPONSABILITA’ RISPETTO ALLE GENERAZIONI VIVENTI E  FUTURE.

 Comitato Acqua Bene Comune

08/02/2007

Share

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.