Lamezia Terme: no alla privatizzazione della Multiservizi S.p.A.

La decisione dell’Amministrazione Comunale di Lamezia Terme di far entrare soci privati nella misura del 40 per cento nella Multiservizi spa, azienda finora a totale capitale pubblico che gestisce il servizio idrico, il ciclo dei rifiuti e il trasporto pubblico locale, e’ sbagliata e grave.

Sbagliata non solo in sé, perché apre alla gestione privatistica servizi relativi a beni comuni fondamentali, a partire dall’acqua, ma anche perché, in modo del tutto immotivato, anticipa i tempi della scadenza di fine dicembre 2011 previsti dall’attuazione del decreto Ronchi. E ciò proprio nel momento in cui e’ in corso l’iniziativa referendaria che porterà i cittadini del nostro Paese a pronunciarsi sulle forme di gestione del servizio idrico e contro la sua mercificazione. Coerenza vorrebbe che chi, come il sindaco di Lamezia, sottoscrive i nostri quesiti referendari, poi si comporti conseguentemente nelle scelte che gli competono per quanto riguarda la gestione del servizio idrico.

La scelta dell’Amministrazione Comunale di Lamezia e’ grave poi perché esistono alternative praticabili che, anziché l’ingresso dei privati, possono portare alla ripubblicizzazione del servizio idrico, a partire dalla costituzione di un’ Azienda speciale consortile, così come richiesto da più’ di 700 cittadini lametini con una petizione popolare.

La nostra battaglia per contrastare la privatizzazione di Multiservizi spa continuerà: sia nel sostenere il Comitato per l’acqua lametino e calabrese nelle iniziative che intraprenderanno per bloccare la sua fase attuativa, sia con la richiesta di moratoria del decreto Ronchi almeno fino all’effettuazione dei referendum, soprattutto con la preparazione della scadenza referendaria stessa perché i cittadini italiani possano bloccare le privatizzazioni, avviare la ripubblicizzazione del servizio idrico e far tornare sui propri passi Amministrazioni, come quella lametina, che continuano a percorrere strade sbagliate.

Roma, 14.07.2010

Segreteria Forum Italiano Movimenti per l’Acqua

Share

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.