La proposta di Sezano. Per l’acqua nell’agenda di Copenhagen

world waterLa «proposta di Sezano» è un appello per l’inclusione dell’acqua nell’agenda dei negoziati sul clima in vista della conferenza di Copenhagen, a dicembre. E’ stato promosso da rappresentanti di numerose confessioni religiose e tradizioni morali, perché per tutte «l’acqua è sacra come sacra è la vita». Per aderire, lapropostadisezano@gmail.com

 

La proposta di Sezano: per l’acqua nell’agenda dei negoziati di Copenhagen sul cambiamento climatico. Iniziativa di cittadini appartenenti a diverse religioni e tradizioni morali

Noi, cittadini abitanti in Italia, espressione di credenze religiose e tradizioni morali diverse, accomunati dalla condivisione del grande valore del diritto universale ad una vita umanamente e socialmente dignitosa per tutti, nel rispetto del grande patrimonio comune costituito dall’insieme di tutte le specie viventi, convinti che è venuto il tempo, per l’Umanità, di concretizzare il «buon vivere insieme» a livello globale e planetario, condividendo, a tal fine, la consapevolezza che l’acqua rappresenta oggi il campo di vita più critico e più strutturante del divenire dell’Umanità, chiediamo che la problematica dell’acqua sia inclusa, in quanto tale, nell’agenda dei negoziati della Conferenza di Copenhagen [Cop 15].
Il più grande negoziato mondiale in corso sul divenire dell’Umanità e della vita del pianeta non può essere centrato soltanto sui problemi energetici. Per più di tre miliardi di esseri umani il problema principale oggi è l’alimentazione, l’accesso all’acqua, la salute. Un accordo sul clima deve includere anche l’acqua, la terra, la salute.
Chiediamo che il «Trattato di Copenhagen» approvi il principio di dare il via ai lavori di definizione e di approvazione di un Protocollo mondiale sull’Acqua da definire nel periodo 2010-2012. Le basi scientifiche e tecniche necessarie per tale Protocollo esistono grazie all’immenso lavoro compiuto dalle Agenzie delle Nazioni unite nel corso degli ultimi 30 anni sul piano delle conoscenze, delle analisi, dei dati, degli strumenti di misurazione e di valutazione, esperienze concrete.
Chiediamo che la Conferenza di Copenhagen riconosca l’urgenza di un Patto mondiale per l’Acqua da porre sotto l’egida delle Nazioni unite, concretizzato nel Protocollo, sottolineando a tal fine la necessità per la Comunità internazionale di disporre di uno strumento efficace di azione e di cooperazione mondiale quale una «United Nations Water Authority», dotata di autonomia nei confronti dei grandi interessi economici, finanziari e commerciali privati e dei paesi più forti nel campo dell’acqua.

 

Leggi chi sono i promotori dell’appello

Share

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.