E’ in corso lo “scippo” dei referendum e della democrazia! Noi non ci stiamo

Foto di Francesco Mollo

Le dichiarazioni del Ministro Romani e del Sottosegretario Saglia riguardo la gestione del servizio idrico e la soluzione legislativa approvata dal Parlamento in tema di energia nucleare hanno suscitato attenzione e preoccupazione da parte di quei cittadini che hanno a cuore la democrazia nel nostro Paese.

E’ chiara la volontà del Governo di impedire il raggiungimento del quorum e quindi di intaccare le basi democratiche e partecipative proprie dell’istituto referendario.

Oggi venerdì 29 aprile, abbiamo formalmente invitato il Prefetto di Cosenza ad agire in modo da garantire l’espressione democratica, rifiutandosi di appoggiare qualunque provvedimento che possa inficiare il percorso verso la consultazione referendaria.

Ribadiamo inoltre che il referendum del 12 e 13 giugno si celebrerà!

Infatti non è stato presentato alcun provvedimento riguardante i quesiti sull’acqua e, anche per il provvedimento sull’energia nucleare, attendiamo fiduciosi il parere fondamentale della Corte di Cassazione che indicherà se il quesito sull’energia nucleare farà parte o meno della tornata referendaria.

Perchè si scrive acqua ma si legge democrazia!

Comitato referendario cosentino  “2 Sì per l’acqua Bene comune”

Share

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.