Anche a Villa San Giovanni parte la campagna regionale per l’acqua pubblica “ABC Calabria”

Sono trascorsi quasi due anni, da quando 27 milioni di italiani si sono espressi chiaramente contro la mercificazione dell’acqua ed a favore di una gestione pubblica e partecipata del servizio idrico. Nonostante ciò, i signori che ci governano hanno provato in più modi a negare il risultato stesso dei referendum, reintroducendo la stessa norma abrogata sulla privatizzazione dei servizi pubblici locali o consentendo che non venisse applicata l’eliminazione in bolletta della remunerazione del capitale investito.
In Calabria poi,la situazione si è fatta ancora più difficile, lo stato fallimentare in cui versa la Sorical e soprattutto le drammatiche condizioni dell’invaso dell’Alaco, fanno capire quanta urgenza ci sia nel voltare pagina una volta per tutte, e far si che si possa approdare ad una nuova modalità di gestione del servizio idrico.
Affinché ciò sia possibile il Coordinamento calabrese Acqua Pubblica “Bruno Arcuri” ha lanciato lo scorso gennaio una proposta di legge regionale di iniziativa popolare con la quale vuole intraprendere nuove modalità di gestione pubblica e partecipata.
L’obiettivo di questa iniziativa è di chiudere con le esperienze di tipo privatistico che hanno fatto danni inqualificabili in una regione, la nostra, ricca di risorse idriche, ma storicamente attanagliata da gravi problematiche legate alla distribuzione e all’approvvigionamento idrico.
Quello che ci preme è che in Calabria finalmente si realizzi un modello per la gestione del servizio idrico integrato volto al perseguimento degli interessi collettivi e, al contempo,ad ottimizzare le risorse finanziare disponibili.
Per tutte queste ragioni e per sostenere con forza la proposta di legge regionale, il Comitato Acqua Pubblica di Villa San Giovanni, sarà in Piazza Rosario domenica 17 marzo dalle ore 10.00 per avviare la campagna di raccolta firme a sostegno della legge stessa.
Negli ultimi anni anche nella nostra città si è diffusa la consapevolezza dei rischi connessi alla mercificazione di un bene vitale come l’acqua, la dimostrazione sta nel fatto che ogni volta che abbiamo lanciato un appello sulle tematiche legate alla speculazione sull’acqua, la cittadinanza ha sempre risposto in modo massiccio, basti ricordare che Villa è risultato secondo comune per numero di votanti nella provincia reggina nel giugno 2011.
Siamo certi quindi che anche stavolta i cittadini villesi sosterranno la nostra iniziativa partecipando attivamente alla campagna. Si parte quindi domenica, ma gli appuntamenti saranno replicati per tutto il periodo primaverile sempre di domenica ma in luoghi diversi della città, che comunicheremo di settimana in settimana. Crediamo che il modo migliore per vincere le battaglie sia condividerle con la gente, per questo oltre che raccogliere le firme gli appuntamenti serviranno per approfondire tutte le tematiche legate ai beni comuni ed alla difesa del territorio.
Perché si scrive acqua ma si legge democrazia.
Comitato Acqua Pubblica di Villa San Giovanni

Share