Casa della Legalità su acqua pubblica e privatizzazione Lamezia Multiservizi

Mercoledì 7 luglio 2010 il Consiglio Comunale di Lamezia Terme ha approvato, in gran fretta, la delibera per avviare la procedura di trasformazione della società Multiservizi S.p.A. (società che gestisce la raccolta RSU e la discarica, il servizio idrico integrato, i trasporti urbani, il canile, il servizio scuolabus, la manutenzione del verde pubblico, l’illuminazione pubblica, la manutenzione stradale, i servizi cimiteriali) da società in “house”, a totale capitale pubblico e partecipata dal Comune di Lamezia Terme, a società mista, ovvero pubblico-privata.
La Casa della Legalità di Lamezia Terme esprime disappunto perché la scelta è stata imposta senza dialogare con la cittadinanza e sono state aggirate le richieste del “Comitato lametino acqua pubblica“, al quale la nostra associazione ha aderito sin dall’inizio della campagna referendaria, di avere la possibilità di un consiglio comunale aperto e discutere, alla luce del sole, del futuro di un bene comune come l’acqua e delle possibili alternative alla vendita della Multiservizi.
Inoltre la Casa della Legalità rende noto che quest’anno per la quinta edizione del Music Against ‘Ndrangheta, che si terrà a settembre, farà a meno del patrocinio comunale, perché in totale disaccordo con la posizione assunta dall’Amministrazione Comunale su temi di fondamentale rilevanza quali l’acqua e la trasparenza nella gestione dei servizi pubblici.

Casa della Legalità e della Cultura Onlus – Lamezia Terme

Share

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.