Parte anche a Paola la campagna di raccolta firme

abccalabria.orgParte anche a Paola la campagna di raccolta firme per la Proposta di Legge Regionale di Iniziativa Popolare “Tutela, governo e gestione pubblica del ciclo integrato dell’acqua”.

780mila calabresi, oltre la metà degli aventi diritto al voto, si sono espressi chiaramente solo un anno fa contro la privatizzazione del servizio idrico, sostenendo i quesiti referendari promossi dal Comitato “2 Sì per l’Acqua Bene Comune”. La politica però è rimasta sorda e mostra di non voler dare seguito alla manifesta volontà popolare. Nonostante l’esperienza fallimentare della vecchia Sorical S.p.A. sia stata conclamata anche in un recente dibattito in Consiglio Regionale, non si sono tratte le necessarie conseguenze, e la Giunta Regionale ha presentato una proposta di legge in materia di risorse idriche che intende mantenere la Sorical nella forma di società di diritto privato ed a scopo di lucro.
E’ il momento di dire basta. Occorre voltare pagina, per dare seguito alla manifesta volontà dei calabresi.
Un’ampia coalizione sociale, già impegnata a sostegno del referendum del 2011, ha elaborato una Proposta di Legge Regionale di Iniziativa Popolare con la quale vuole intraprendere nuove modalità di gestione pubblica e partecipata. Riteniamo necessario che la gestione del servizio idrico debba essere sottratta al principio della libera concorrenza e realizzata senza finalità lucrative, mirando ad una reale partecipazione dei cittadini e dei lavoratori del servizio idrico in merito alla programmazione, gestione e controllo del servizio.
A Paola noi del “Comitato Acqua Bene Comune” abbiamo trovato pieno appoggio nel Circolo Arci Piera Bruno, ed insieme abbiamo deciso di aderire a tale iniziativa, ed a breve organizzeremo numerose iniziative e banchetti, dove si potrà firmare la Proposta di Legge Regionale.
Il valore della nostra campagna è soprattutto nel principio che l’acqua non è una merce ed è un diritto inalienabile dell’uomo. Ripartiremo di nuovo dal basso, in modo che tutti i cittadini potranno partecipare direttamente per ribadire ancora una volta che l’acqua e i beni comuni non sono un debito e che la democrazia è affare troppo serio per lasciarla in mano a un gruppo di professori con laurea in pensiero unico del mercato e ai politicanti troppo legati alle lobby e sempre più lontani dalla volontà del popolo.

Per informazioni e punti di raccolta firme:
circoloarcipierabruno@hotmail.it
comitatoacquabenecomunapaola@gmail.com
www.arcipierabruno.wordpress.com

Share